Alessandro Mangiarotti

Alessandro Mangiarotti

Félicitations, Alessandro!

Pubblico raffinato, tra cui il console canadese e un noto gallerista milanese, al vernissage di Alessandro Mangiarotti, l’artista italo canadese che ha presentato sabato 30 maggio, la prima mostra di Video Art finora presentata al Torrione di Forio, del gruppo Yellow Fish Art, di cui è l’esponente di spicco.

L’Associazione culturale Radici, facendo propria l’esigenza, innovativa per la comunità isolana, di promuovere le nuove realtà artistiche, ha invitato nell’attraente sede che fu dimora e atelier dello scultore Giovanni Maltese, il poliedrico artista. Alessandro, architetto, designer, pittore, fotografo, regista, attore, poeta e tanto altro, con la sua Yellow Fish Art (di cui fanno anche il nostro stimatissimo Avv. Gino Di Meglio, la fotografa Emanuela Migliaccio e l’eclettico Manuel Di Chiara) propone in giro per il mondo, i suoi lavori e quelli realizzati dagli artisti da lui invitati: Audrey Maude Mc.Duff, Mathieu Girard e Chelanie Beaudin- Quintin.                                                                                              Attraverso il mezzo videografico Mangiarotti trasmette emozioni forti.                                   E dal rullo che avvolge e coinvolge, mentre l’attonito spettatore, è comodamente seduto ad auto psicanalizzarsi, sul divano al centro di due maxi schermi, scorrono immagini di pregevole filosofia artistica come la corsa fotocopiata del conformismo e dell’appiattimento imperante oppure, la micro storia di un’avvenente e sensuale modella, che si concentra sulle piccole cose, riflettendo la poetica dei fenomeni banali, oppure ancora mondi creati da sofisticati programmi digitali, che esprimono l’assuefazione ai mass media.

La mostra che resterà aperta fino al 15 giugno 2015, dalle 19. 00 alle 22.00 è a ingresso libero.