Vito Polito

Vito Polito

Natura -1

Nasce a Lacco Ameno il 17/04/1 993 e risiede nel comune di Forio in particolare nella Frazione di Monterone.Già da bambino  mostra un’inclinazione verso I’arte, tanto che uno dei suoi passatempi preferiti è il disegno. Frequenta la scuola media S. Caterina da Siena dove, a contatto con i docenti di educazione artistica,convoglia la sua attitudine e la educa. A quel periodo risalgono i primi lavori di collage ed è molto interessato all’apprendimento delle varie tecniche artistiche.   Ama la sperimentazione e l’innovazione degli stili e delle tecniche non trascurando l’arte in ogni sua espressione. Prosegue il percorso formativo frequentando il Liceo classico G. Scotti di Ischia che gli permetterà di ampliare le sue competenze in campo classico antico e moderno, potendo sviluppare dei paralleli che risultano fondamentali nella crescita artistica. L’esperienza della scuola superiore gli fa accantonare la pratica del disegno a favore della fotografia, espressione moderna dell’arte. Nel 2013 si iscrive a|I’Accademia di Belle Arti di Napoli dove la crescita artistica raggiunge valori esponenziali. Partecipa attivamente alla vita accademica collaborando con artisti del calibro di Rosy Rox e Giammaria Tosatti. Comincia la sua ricerca nel campo sperimentale del disegno con penna biro, a cui è molto legato, e questa tecnica è  parte predominante della mostra al Torrione. Alla domanda cosa è per te l’arte? << Penso che l’Arte non si possa racchiudere nel prodotto finale ma considerarla nella sua interezza di pensiero puro, gestualità, ritualità, intenzioni e passioni che solo all’occhio sensibile di un animo gentile sono rivelati e compresi senza veli.>>

L’Artista foriano oggi esordiente à una promessa dell’ Arte che parte dal Torrione. Gli auguriamo di coronare successi internazionali e con essi far sventolare il tricolore e l’imprinting di”Sangue di Turco” in ogni dove.

Giuseppe Magaldi

 

Arte & dintorni

Brillante performance per Vito Polito con << Natura – 1 >> al Torrione di Forio.

Estro e innovazione. Ecco la carica vincente di Vito Polito, il giovane artista foriano che leva letteralmente le tende dalla sala mostre del Torrione di Forio. Sì perché i suoi bristol inneggianti alla Natura, si snodano come tende aperte sul Mondo.Un mondo che Vito immagina in uno spazio aereo-temporale, costellato di estensioni negative, rappresentate dalle connessioni della sua biro, e le ristrette aree di salvezza ove, catapultati dalla residua consapevolezza del misfatto che l’Uomo perpetra sulla Natura, riusciremo a salvarci. Ma, mentre sono enormi i ghirigori, il cammino in cui perdersi, di contro sono esigue le ancore di salvezza, le possibilità di redimersi dalla violenza contro la Natura. La permanenza al Torrione di Vito ha regalato emozioni forti, ripagate da un vero e proprio bagno di folla che ha reso omaggio, con la propria testimonianza, al percorso dell’esordiente, che, preso a battesimo dall’Associazione Culturale Radici, che ha fermamente creduto in lui, certamente percorrerà un significativo cammino nella difficile carriera di artista. A Vito un caloroso Grazie per aver condiviso con le centinaia di visitatori il suo modo di esprimere un argomento così attuale e così scottante.

Forio  10 agosto  2015

Luigi Castaldi